Le novità del nuovo CAD

| Posted by | Categories: Leggi e normative

codice-amministrazione-digitaleDal 14 settembre sono in vigore le nuove disposizioni in materia di Codice dell’amministrazione digitale, in seguito alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Dlgs 179/2016 il 13 settembre, che modifica il decreto legislativo 82/2005. Finalmente abbiamo una nuova versione del Cad del 2005, che contribuisce a dare una nuova spinta alla completa digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, portando importanti novità nel rapporto tra PA e cittadini, attraverso identità digitali, documenti informatici, pagamenti online e processo telematico.

Ecco le principali novità:

Domicilio digitale: tutti gli iscritti all’anagrafe nazionale della popolazione residente potrà accedere ai servizi pubblici tramite una utenza digitale e potranno avere un proprio domicilio digitale per tutte le comunicazioni e documenti da scambiare con la pubblica amministrazione

Spid: Lo spid è il sistema pubblico di identità digitale che consente a cittadini ed imprese, attraverso un Pin unico, di accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione

Commissario dell’Agenda digitale: Viene introdotta una nuova figura professionale, con il compito di attuare l’Agenda digitale, avvalendosi di soggetti pubblici e adottando provvedimenti per l’attuazione degli obiettivi.

Posta elettronica certificata: la PEC è obbligatoria per le aziende, liberi professionisti, e pubblica amministrazione, ma rimane facoltativa per i cittadini. I cittadini che apriranno un domicilio digitale, saranno inseriti nell’anagrafe nazionale dei servizi.

Documento informatico: è riconosciuto come documento informatico, ogni atto con firma digitale, che risponde ai criteri di immodificabilità

Conservazione digitale: L’amministrazione è tenuta alla conservazione dei documenti informatici e il cittadino può richiederne l’accesso

PA digitale. A dicembre scatta l’obbligo di digitalizzare i processi nella pubblica amministrazione, inizialmente previsto per agosto 2016

Processo telematico: Il CAD si applica al processo civile, penale, amministrativo, contabile e tributario se non diversamente disposto

Moneta elettronica: La moneta elettronica diventa il principale strumento di pagamento delle pubbliche amministrazioni.

Cultura digitale: Lo Stato è obbligato a diffondere una cultura digitale e tutta una serie di iniziative atte a educare i cittadini all’utilizzo delle risorse tecnologiche nei rapporti con le pubbliche amministrazioni.

Agenzia per l’Italia Digitale ha il compito di perseguire gli obbiettivi prefissati dall’agenzia digitale italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *